Fai Da Te per Isolare Casa

Come isolare le pareti di casa con il fai-da-te: per ogni stanza, una soluzione. Ecco alcune soluzioni fai-da-te per isolare le pareti di casa in base alle diverse esigenze delle stanze: 1. Isolamento Generale: Pannelli Isolanti Minerali 2. Isolamento di Una Parete Fredda: Pannelli in Polistirolo 3. Soluzione per Stanze più Piccole: Tende Termiche 4. Soluzione per Stanze Grandi con Aperture: Tende Termiche o Mini-Cappotto 5. Isolamento con Materiali Naturali: Sughero 6. Realizzazione di Parete in Cartongesso 7. Cappotto Termico per Case più Piccole 8. Pavimento, Porte e Finestre: Altre Considerazioni Prima di iniziare qualsiasi progetto fai-da-te, assicurati di avere gli strumenti e la preparazione necessari. Se necessario, consulta esperti o professionisti per consigli specifici in base alle caratteristiche della tua abitazione. Inizio modulo

Arriva il freddo?

Arriva il freddo? Venerdì 11 gennaio Il 11 gennaio, un intenso fronte atlantico ha interessato l’Italia portando condizioni meteorologiche variegate in tutto il Paese. Le precipitazioni sono state più intense nelle regioni settentrionali, con piogge, a tratti di tipo rovescio, in Liguria e alcune nevicate nelle zone alpine centro-occidentali sopra i 700-800 metri. Nel pomeriggio, le piogge si sono estese alle pianure del nord con il rinforzo della corrente meridionale nei bassi strati atmosferici. Anche le regioni centrali tirreniche, come la Toscana e il Lazio, hanno sperimentato qualche pioggia, mentre brevi rovesci hanno interessato la Campania. Al contrario, il sud, in particolare la Calabria e la Sicilia, ha goduto di ampie schiarite. Le temperature registrate al mattino erano variabili in tutto il Paese: Le temperature del pomeriggio hanno mostrato un aumento: In termini di precipitazioni, nelle ultime ore sono stati registrati 20mm di pioggia in alcune zone della Campania, 18mm a Genova, 5mm a Pisa e 3mm a Milano. I venti sono stati in rinforzo dai quadranti meridionali al centro e al sud, mentre sono rimasti deboli al nord. La pressione atmosferica è stata compresa tra 1017mb e 1024mb.

Bomba d’acqua a Ostia

Ostia, il quartiere costiero di Roma, è stato scosso da una “bomba d’acqua” questa mattina, con le forti piogge che hanno provocato allagamenti in molte strade, negozi e cantine. La pioggia è stata così intensa da causare lo straripamento dei tombini, e alcune auto parcheggiate sono finite galleggianti in strada. Tuttavia, fortunatamente, non sono stati riportati feriti. La violenta pioggia ha colpito diverse zone del quartiere, tra cui via dei Velieri, Corso Duca di Genova e via delle Baleniere, con molte segnalazioni alla Polizia Locale di Roma Capitale che riportavano anche acqua all’interno di alcuni negozi della zona. Il Gruppo X della Polizia Locale di Roma ha ricevuto dozzine di chiamate di emergenza e richieste di aiuto a partire dalle ore 12:00. Le squadre dei pompieri stanno lavorando instancabilmente per ripristinare la situazione di emergenza, compresi gli allagamenti di attività commerciali e garage. Nonostante la gravità degli eventi, al momento non si hanno notizie di feriti. In poco più di un’ora dalla comparsa della “bomba d’acqua” intorno alle 12:40 di oggi, Ostia e il litorale sono stati trasformati in veri e propri torrenti a cielo aperto. Le principali strade del Lido sembrano fiumi inarrestabili, dove oggetti di ogni tipo galleggiano, compresi i cassonetti, che hanno iniziato a spostarsi e ad addossarsi ai marciapiedi, in alcuni casi finendo addirittura sui veicoli in sosta. La situazione si è verificata in molte strade, tra cui Via Armuzzi vicino a Piazzale della Posta ma anche in altre parti del quartiere. Via delle Isole del Capoverde è diventata un torrente in piena, così come molte altre strade come Via delle Aleutine, Via dei Traghetti, Via delle Baleniere, Corso Duca di Genova, Via Vasco de Gama, Via Cardinal Ginnasi fino a Via Paolo Orlando, dove l’acqua ha invaso i marciapiedi e minaccia i negozi. Moltissime cantine si sono allagate, edifici sono privi di corrente elettrica, con impianti elettrici saltati, impedendo l’uso delle pompe idrovore per rimuovere l’acqua dai cantieri sotterranei. Le strade sono state allagate rapidamente, e molte auto sono state sommerse a causa dell’insufficiente capacità delle caditoie e delle fognature di raccolta delle acque piovane. Anche i Vigili del Fuoco del Nucleo Speleo Alpino Fluviale sono stati chiamati a intervenire in alcune situazioni di emergenza, tra cui il salvataggio di persone intrappolate in garage allagati. In un garage a Via Polinesia, l’acqua è arrivata in poche ore fino a raggiungere il soffitto. La situazione è stata critica, con il timore che alcune persone potessero rimanere intrappolate nelle cantine allagate. Fortunatamente, al momento sembra che non ci siano stati feriti. Persone e soccorritori hanno dovuto affrontare condizioni difficili, con molte strade trasformate in torrenti e marciapiedi sommersi. La situazione è stata aggravata dalla mancanza di elettricità che ha impedito il funzionamento delle pompe idrovore per rimuovere l’acqua. La chiesa di Santa Bonaria, situata in Via dell’Appagliatore, è stata invasa dall’acqua, raggiungendo un metro d’altezza, sommergendo le panche e lambendo l’altare. La situazione ha messo in evidenza la vulnerabilità del territorio dal punto di vista idrogeologico e ha sollevato la necessità di affrontare questioni come il rafforzamento degli argini del fiume Tevere e altre criticità infrastrutturali. Anche molte strutture comunali hanno risentito dell’alluvione, con infiltrazioni dall’alto che hanno costretto gli inquilini a posizionare secchi per evitare allagamenti. Nel complesso, Ostia è stata colpita duramente da questa “bomba d’acqua”, con strade allagate, allagamenti di edifici e numerosi disagi, sottolineando l’importanza di affrontare la gestione delle acque piovane in modo più efficace e migliorare l’infrastruttura di drenaggio.

Crisi dell’Olio nel Lazio

Emergenza nell’Industria dell’Olio d’Oliva nel Lazio: Una Crisi Alimentare Scatenata dal Cambiamento Climatico L’industria dell’olio d’oliva nel cuore dell’Italia, nel Lazio, sta affrontando un’urgente emergenza con una diminuzione della produzione che fa temere il peggio. Questa crisi è scatenata principalmente da un nemico invisibile ma potente: il cambiamento climatico. A pochi giorni dall’inizio della nuova stagione di raccolta delle olive, il panorama è allarmante. Attualmente, l’olio di Igp Roma è diventato introvabile, con scorte esaurite nei supermercati. Questo problema non riguarda solo questo marchio, ma coinvolge anche gli altri marchi protetti della regione. Ma cosa sta accadendo esattamente? Secondo le stime della Confagricoltura, la produzione di olio d’oliva nel Lazio è destinata a subire una drastica diminuzione che potrebbe toccare addirittura il 30%. Questa cifra spaventosa implica che circa 13 milioni di alberi di ulivo sono interessati da questa contrazione nella produzione. Di conseguenza, ciò si tradurrà in una grave carenza di bottiglie disponibili per la vendita. Le cause di questa scarsità di olive sono molteplici e intricate. Il cambiamento climatico, con temperature anomale e periodi di assenza di precipitazioni, ha messo a dura prova la fertilità del terreno, portando alla resa inferiore delle piante. Il presidente di Assofrantoi Lazio – Confagricoltura, Paolo Mariani, sottolinea il ruolo cruciale del cambiamento climatico, spiegando che “le piante stanno risentendo moltissimo.” La conseguenza più immediata di questa situazione è l’aumento dei prezzi dell’olio d’oliva. L’olio sfuso nel mercato all’ingrosso è già arrivato a 8,50 euro al litro. Questo costo si riflette sui prezzi nei supermercati, dove i consumatori lo trovano a 12 euro al litro. Tale aumento è causato dai costi aggiuntivi legati alle varie fasi di lavorazione, filtraggio, imbottigliamento, confezionamento, trasporti e dai margini di profitto richiesti dalla grande distribuzione. L’aumento dei prezzi potrebbe spingere molti consumatori a cercare alternative straniere, mettendo così in pericolo le vendite dell’olio nazionale con marchio protetto. Questa situazione non colpisce solo l’industria, ma ha anche conseguenze occupazionali, poiché molti lavoratori dipendono dalla produzione di olio d’oliva. È fondamentale sottolineare che questa emergenza non è un problema isolato. In Spagna, l’Andalusia sta affrontando un crollo storico delle produzioni agricole, compreso l’olio d’oliva, mentre in Grecia, oltre alle temperature elevate, si combatte anche contro la “mosca dell’olivo,” che impedisce la fruttificazione delle piante. La Grecia stima una perdita di 100 mila tonnellate di olive, e il governo ha invitato la popolazione a fare scorta di olio in vista di tempi difficili. In tutta la Penisola, gli agricoltori stanno chiedendo al governo di decretare lo stato di calamità per proteggere un settore cruciale e strategico. Tuttavia, la situazione rimane critica e richiede una risposta immediata per sostenere il settore agricolo e mitigare gli effetti negativi sulla produzione e sui prezzi dell’olio d’oliva. #EmergenzaOlioOliva #CambiamentoClimatico #CrisiAlimentare

È arrivata la neve

Roma. Castel Gandolfo nevicata serale FOTO INVIATE DALLA LETTRICE CARLOTTA DE LUCA - fotografo: Carlo Lannutti/LaPresse FIRMARE FOTO

La nevicata intorno a Roma: un inverno insolito La nevicata che ha investito la regione intorno a Roma ha sorpreso molti abitanti, considerando che la capitale italiana non è spesso coperta da un manto di neve. Questo evento meteo insolito ha catturato l’attenzione dei residenti e degli appassionati di meteorologia, che si sono precipitati a condividere le loro osservazioni sui social media e attraverso canali di comunicazione come il canale Telegram di Meteo Lazio – Segnalazioni. Le prime tracce di neve del 2023 La nevicata è stata considerata come i primi fiocchi di neve del 2023 per la zona e ha toccato alcune delle zone più elevate dei comuni circostanti. Rocca di Papa e Rocca Priora sono stati tra i primi ad essere imbiancati dalla neve, seguiti da Monte Porzio Catone, Ariccia, Albano e Velletri. Anche se gli accumuli a terra sono stati piuttosto deboli, è comunque stata un’occasione rara per i residenti di queste comunità di vivere l’atmosfera invernale. Il fenomeno nella zona dei Campi di Annibale La nevicata è stata più intensa nella zona dei Campi di Annibale, ma è durata solo per un breve periodo. Successivamente, si è trasformata in grandine o pioggia. Questi cambiamenti rapidi nelle condizioni meteorologiche possono rendere difficile prevedere con precisione quanto tempo durerà la neve, ma le previsioni indicano che potrebbero esserci altre nevicate nelle prossime ore. Le previsioni future L’attenzione rimane alta per quanto riguarda le previsioni meteo future per la regione di Roma. Si prevede un ulteriore abbassamento delle temperature nelle prossime ore, il che potrebbe portare a condizioni più favorevoli per la formazione di neve. Le autorità locali e le forze dell’ordine sono all’erta per affrontare eventuali sfide legate alle condizioni meteo avverse, inclusi problemi di traffico e sicurezza. La magia dell’inverno a Roma La nevicata offre una rara opportunità per gli abitanti di Roma e delle zone circostanti di godere della bellezza dell’inverno. I paesaggi coperti di neve possono trasformare anche i luoghi più familiari in scenari magici e suggestivi. Tuttavia, è importante ricordare di essere preparati per le basse temperature e le condizioni stradali difficili che la neve può causare. In conclusione, la neve è finalmente arrivata nella regione intorno a Roma, portando con sé un tocco di inverno e una gioia per molti residenti. È importante seguire da vicino le previsioni meteo e adottare le precauzioni necessarie per affrontare le condizioni meteorologiche avverse. Mentre la neve crea uno scenario incantevole, può anche rappresentare una sfida logistica e di sicurezza, quindi la prudenza è sempre consigliata durante queste situazioni.

Proteggere il Contatore dell’Acqua

Con l’arrivo della stagione invernale, ci sono alcune precauzioni fondamentali che dovremmo prendere per proteggere il contatore dell’acqua dalla possibilità di congelamento e rotture. Questo problema può causare non solo disagi, ma anche costosi interventi di riparazione. Ecco una guida dettagliata su come proteggere il tuo contatore e garantire un servizio idrico ininterrotto. 1. Evita Materiali Inadatti: Iniziamo con un consiglio importante: non avvolgere le tubature dell’acqua con lana di vetro o stracci. Questi materiali, anziché proteggere dal freddo, possono assorbire l’umidità, peggiorando la situazione. Inoltre, potrebbero diventare nascondigli per insetti e sporcizia, creando ulteriori problemi. Per un’efficace protezione, evita questi materiali. 2. Coibenta le Nicchie Esterne: Se il tuo contatore dell’acqua si trova all’esterno del tuo edificio, è essenziale coibentare adeguatamente la nicchia in cui è alloggiato. Questo include anche la porta o lo sportello che lo copre. Puoi utilizzare materiali isolanti come il polistirolo o il poliuretano espanso. La chiave qui è lo spessore: assicurati che i pannelli isolanti abbiano uno spessore di almeno 2,5 centimetri per una protezione ottimale. 3. Isola i Contatori in Locali Non Riscaldati: Se hai dei contatori posizionati in locali non riscaldati, devi prendere provvedimenti extra per evitare il congelamento. Utilizza gli stessi materiali isolanti, come il polistirolo o il poliuretano espanso, per rivestire i contatori. Questo mantterrà una temperatura interna adeguata anche quando le temperature esterne scendono drasticamente. 4. Verifica Periodicamente: Una parte fondamentale della manutenzione è la verifica periodica. Durante la stagione invernale, controlla regolarmente i contatori esterni per assicurarti che l’isolamento sia intatto e che non ci siano segni di congelamento. Una piccola revisione preventiva può prevenire problemi più grandi in futuro. 5. Monitoraggio delle Temperature: Mantieni un occhio sulle previsioni meteorologiche locali. Se sai che è previsto un periodo di freddo intenso, puoi prendere misure aggiuntive, come coprire la nicchia del contatore con un panno spesso o una copertura appositamente progettata per l’inverno. 6. Richiedi Assistenza Professionale: Se non sei sicuro di come proteggere adeguatamente il tuo contatore o se hai domande sulla manutenzione, non esitare a contattare un professionista. Un idraulico esperto può darti consigli specifici in base alla tua situazione e garantire che tutto sia in ordine. Seguire questi consigli ti aiuterà a proteggere il tuo contatore dell’acqua durante i mesi invernali, evitando rotture costose e interruzioni del servizio idrico. Ricorda che la manutenzione preventiva è la chiave per un funzionamento senza problemi, quindi non trascurare questo aspetto importante della cura della tua casa. Per ulteriori dettagli e approfondimenti sull’argomento, ti invitiamo a leggere l’articolo completo al link https://www.taletespa.eu/it/page/45494 Non lasciare che il freddo invernale metta a repentaglio il tuo servizio idrico. Prendi ora le giuste precauzioni e go